HomeChi siamoCosa FacciamoCalendarioContattiNewsletters
   


IMPATTO ZERO 4° PARTE

Ciao a tutti,
prima della pausa estiva avevamo inviato le prime tre parti di IMPATTO ZERO.

Qui sotto la 4° parte.

Chi ha perso le puntate precedenti o vuole rileggerle può leggerle sul sito:
http://www.abbraccidiluce.it/index.php?link=45&Upper=1&module=

Parte 4 Detergenti
Per pulire la casa non sono necessari tanti prodotti inquinanti, io uso dei magneti che mi hanno venduto porta a porta e sono fantastici per i pavimenti, i vetri, lavare l'auto, per il bucato in lavatrice, per i mobili laccati, per il bagno ( io pulisco quasi tutto, per info chiamatemi pure 339 6717471, non li vendo direttamente ma posso dirvi chi lo fa).
Sembra una cosa assurda ma esistono e, miracolo dei miracoli, funzionano. Ovviamente, la distribuzione di questi articoli non è ben vista da chi produce detersivi e spinge all'acquisto sempre più smodato all'insegna di un'igiene, una pulizia eccessiva e, alla prova dei fatti, anche inefficace.
Pensate a quanti batteri sono ogni giorno sulla nostra pelle, nella nostra bocca, sulla nostra lingua.
Ritenere di poter rendere senza batteri la nostra pelle, la nostra casa è illusorio e anche assai ignorante. Ma i miracoli della pubblicità sembrano andare oltre.
Recentemente ad una fiera del mobile ho visto una cucina con il lavello antibatterico. Ho sorriso pensando a quanti soldi verranno spesi inutilmente.

Per lavare i piatti compro detersivi naturali e ne uso una piccola dose per volta. A Viarigi per 2 mesi abbiamo aspettato la cucina e, nel frattempo, abbiamo lavato i piatti con la cenere del camino. Economica, molto sgrassante.
Non avendo ancora la cucina non potevamo usare l'acqua scolata della pasta che pulisce e sgrassa in maniera portentosa, alla faccia dei famosi detersivi al limone, aceto

Sembra di sentir parlare i nostri nonni che facevano queste cose "quando c'era la guerra", "quando non si buttava via niente"
Beh, forse oggi con certi prodotti abbiamo davvero esagerato nella direzione opposta al buon senso.

Come anticalcare possiamo usare l'aceto ( anche se basterebbe asciugare il lavandino e i rubinetti ogni volta che si usano e il calcare non si forma
.ma questa mia abitudine mi ha dato inizialmente l'appellativo da parte di Luigi di Psicastenica
.ho insistito, asciugando tutte le volte. Ora anche lui lo sta facendo
.

Alla prossima
Luigi


admin
Tutto questo materiale è libero e potete farlo circolare e distribuirlo come desiderate.